Le domande più comuni sul caso Kennedy

Quanti colpi furono sparati contro JFK? La storia della pallottola magica è vera? Il fucile di Oswald era un ferrovecchio e sua impresa fu davvero impossibile? Il filmato di Zapruder è la prova di uno sparo frontale? Le fotografie di Lee Harvey Oswald che imbraccia il fucile sono vere o sono un falso? Quali ferite riportarono Kennedy e il governatore Connally? Jack Ruby fu mandato da qualcuno a uccidere Oswald? Alcune risposte alle domande più ricorrenti sul caso Kennedy…

Leggi il seguito

La sparatoria in Dealey Plaza: una versione ragionata

Tutti sono concordi nell’individuare nel filmato girato da Abraham Zapruder la base per la ricostruzione della sparatoria. La cinepresa di Zapruder registrò un filmato di 26 secondi su una pellicola da 8 millimetri. Tutto il resto, però, è in discussione da 50 anni: quanti spari, quanti assassini, da quali direzioni. Proviamo a offrire una risposta documentata.

Leggi il seguito

Le visioni di Gianni Bisiach: lo spettro della mafia

Gianni Bisiach, decano della televisione pubblica italiana, è stato considerato il più informato “kennedologo” di casa nostra. Sua è la paternità di un voluminoso libro sulla vita e sulla morte di Kennedy e di un documentario sulla morte di John e Bob Kennedy. Le sue teorie sul ruolo della mafia nei fatti di Dallas sono attendibili? La sua conoscenza del caso Kennedy è realmente accurata e approfondita?

Leggi il seguito

Indietro e a sinistra: caccia al killer della collinetta erbosa

Nel suo JFK – Un caso ancora aperto, Oliver Stone lo ha fatto ripetere, come un mantra, al procuratore distrettuale Jim Garrison: indietro e a sinistra. Stone convinse milioni di persone sul fatto che il filmato di Abraham Zapruder dimostrasse il complotto: se la testa di Kennedy andò indietro e a sinistra, sostenne, fu perché era stata colpita da davanti,dal killer del poggio erboso. Ma è vero?

Leggi il seguito

James Tague: 50 anni dopo, parla il terzo ferito di Dallas

Venerdì 22 novembre 1963, James Tague passava per caso per Dealey Plaza. Era un giovane commerciante di automobili, impiegato alla Cedar Springs Dodge; stava per raggiungere la fidanzata a Dallas, passando per Commerce Street all’ora di pranzo. Non fu una buona idea: si ritrovò bloccato da un traffico infernale non appena passato il cavalcavia e, di lì a poco, sarebbe diventato il terzo ferito di Dallas

Leggi il seguito

Le confessioni di James Files: credetemi, sono stato io

Scopriamo insieme, riscontriamo e verifichiamo la storia raccontata da James Files, un galeotto americano di 70 anni che sostiene, dai primi anni Novanta, di essere l’assassino di Kennedy. Le sue affermazioni sono veritiere? Il suo racconto è attendibile? Cosa avrebbe fatto, quel giorno, e con chi? Una ricerca sulle sue accuse e autoaccuse porta a concludere, senza ombra di incertezze, che…

Leggi il seguito

La traccia audio: quel pasticciaccio brutto dell’HSCA

Il caso della traccia audio che portò una commissione del Congresso a sostenere la probabile esistenza di un complotto è il perfetto esempio della faciloneria di inquirenti maldestri e del doppiogiochismo dei complottisti: quando le fonti ufficiali smentiscono, sono false. Quando parlano di complotto, diventano credibili. Ma quella vicenda finì clamorosamente: bastò uno studente armato di giradischi per smentire illustri esperti.

Leggi il seguito

Il fanta-Kennedy: a Dallas è sempre complotto

Gary Mack era un conspiracy buff, un fanatico della cospirazione. Sbarcava il lunario tenendo compagnia a quel parterre di ciarlatani, esperti da strapazzo e strilloni di crocevia che da mezzo secolo affollano Dealey Plaza, a Dallas. Particolarmente in autunno, quando il fascino del delitto più celebre della storia contemporanea incrocia il suo anniversario: ogni 22 novembre, all’ora di pranzo.

Leggi il seguito

Vita, fine e misteri di Jack Ruby, l’assassino di Oswald

Jack Ruby, titolare di un night a Dallas, figlio di immigrati polacchi, è l’uomo che assassinò Lee Oswald in diretta televisiva , appena due giorni dopo l’attentato a Kennedy. Perché Ruby lo ha fatto? Il suo è stato un omicidio su commissione? La mafia ha avuto un ruolo nei fatti di Dallas? I tempi e le circostanze del suo delitto sono coerenti con un atto premeditato? Anche la sua morte è un mistero?

Leggi il seguito

Il fantasma di Lee

Robert Stone è il documentarista statunitense autore del lavoro Oswald’s Ghost, il fantasma di Oswald, datato 2008. Un documentario che la redazione Rai di La storia siamo noi ha deciso di ‘adottare’ in occasione dell’anniversario numero 48 dell’attentato di Dallas. Il documentario svela aspetti interessanti del retroterra di Lee Harvey Oswald

Leggi il seguito

Social Widgets powered by AB-WebLog.com.

Vai alla barra degli strumenti